Pubblicato  2 settimane fa
SHARE ON

Obesità e sovrappeso: cosa sono e come si combattono

Sapevi che l’obesità è uno dei principali problemi di salute pubblica e le conseguenze di questa patologia sono gravissime?


No? Allora mettiti comodo, prenditi un paio di minuti e leggi con attenzione il nostro articolo perché questo problema ti riguarda molto da vicino; infatti nei paesi occidentali un adulto su tre è in sovrappeso.

Secondo dati dell’OMS, l'Organismo Mondiale della Sanità, l’obesità nei paesi occidentali è raddoppiata dal 1980 ad oggi. Nel 2008 si contavano oltre 1,4 miliardi di adulti in sovrappeso (il 35% della popolazione mondiale) e di questi oltre 200 milioni di uomini e oltre 300 milioni di donne erano obesi (l’11% della popolazione mondiale). Nel frattempo, il problema ha ormai iniziato ad interessare anche le fasce più giovani della popolazione: si stima infatti che già nel 2011 ci fossero nel mondo oltre 40 milioni di bambini al di sotto dei 5 anni in sovrappeso, e purtroppo nel frattempo i dati sono peggiorati.


In Italia, secondo i dati ISTAT, dal 1999 a oggi la percentuale di adulti in sovrappeso è passata dal 33,6% al 34,2%, mentre il numero di obesi è passato dal 9,1% a oltre il 10%.
La cosa più grave però è che l’Italia, insieme a Spagna e Grecia, detiene il triste primato nell’età compresa tra i sei e i nove anni: il 34,1% di bambini in quella fascia di età è in sovrappeso o obeso!

Perchè l’obesità è una condizione così grave?

L’accumulo eccessivo di grasso corporeo è una condizione pericolosissima che determina gravi danni alla salute.
L’obesità è un importante fattore di rischio per varie malattie croniche, quali il diabete mellito di tipo 2, le malattie cardiovascolari e i tumori.
Secondo i dati del Ministero Italiano della Salute si stima che il 44% dei casi di diabete tipo 2, il 23% dei casi di malattie cardiovascolari (in particolare infarto e ictus), fino al 41% di alcuni tumori (in particolare il tumore dell’endometrio, del colon retto, renale, della colecisti, della prostata e della mammella) sono attribuibili all’obesità/sovrappeso.
L’obesità aumenta anche il rischio di malattie della colecisti (calcoli) e delle malattie muscolo- scheletriche (in particolare artrosi degenerativa).

In totale, sovrappeso e obesità rappresentano il quinto più importante fattore di rischio per mortalità globale e i decessi attribuibili all’obesità sono almeno 2,8 milioni/anno nel mondo.
Pertanto l’obesità è causa di una riduzione significativa dell’aspettativa di vita.

Cos’è l’obesità?

Ora che abbiamo capito quanto l’obesità e il sovrappeso siano diffusi e perché sono così gravi, capiamo meglio cos’è l’obesità e quando una persona può considerarsi in sovrappeso.

Una persona è in sovrappeso quando il suo Indice di Massa Corporeo (IMC) è superiore a 25.
L'Indice di Massa Corporea (IMC, kg/m2) è un valore di valutazione del peso corporeo e si ricava dal rapporto tra peso e altezza.

Si calcola con questa semplice formula:

IMC = peso corporeo [kg] / (altezza [m])2


Ad esempio se un uomo pesa 70 kg ed è alto 1,72 m, si deve valcolare (70 kg)/(1,72m)2 = 23,6

Se preferisci sul sito del Ministero della Salute puoi fare il calcolo on line.

A seconda dell'IMC si definiscono le seguenti categorie:

• IMC < 16 : grave magrezza
• IMC tra 16 a 18,49 : sottopeso
• IMC tra 18,5 e 24,99 : normopeso
• IMC tra 25 e 29,99 : sovrappeso
• IMC tra 30 e 34,99 : obesità classe 1
• IMC tra 35 e 39,99 : obesità classe 2
• IMC > 40 : obesità classe 3

Un sistema veloce (senza formule) è misurare la circonferenza del punto vita. Una circonferenza maggiore di 94 cm per gli uomini e di 80 cm per le donne è considerata patologica.

Quali sono le cause dell’obesità?

L’obesità e il sovrappeso sono causati nella stragrande maggioranza dei casi da uno squilibrio tra apporto calorico e consumo energetico. Stiamo sempre di più, rispetto al passato, consumando cibi ricchi di calorie e in quantità eccessiva e ci stiamo muovendo sempre di meno.

Le due cause principali dell’obesità quindi sono:
Fattori legati all'alimentazione: mangiamo troppo e male; le nostre diete sono ad elevato tenore di grassi e abbiamo un aumento ingiustificato nell’assunzione di cibo (iperalimentazione).
Vita sedentaria: uno stile di vita sedentario è il secondo importante fattore che favorisce l'obesità; l'attività fisica non solo porta a bruciare le calorie in eccesso, ma aiuta anche a regolare l'assunzione del cibo.

Oltre a questi due fattori, ne esistono altri che hanno un’incidenza percentuale ridotta che sono i fattori genetici, le disfunzioni ormonali e l’assunzione di farmaci.

Come si cura l’obesità?

Dopo questa analisi di una patologia così grave, diffusa e pericolosa vogliamo farti riflettere su quanto riferisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità a proposito dell’obesità:

“L'obesità rappresenta la principale causa di morte prevenibile in tutto il mondo”

Questa è la terribile e al tempo stesso confortante verità:

SEI TU A DECIDERE SE VUOI STARE BENE OPPURE NO !


Quindi l’obesità è una malattia che si cura senza farmaci agendo innanzi tutto su due fattori:

1. MIGLIORA LA QUALITÀ DEI TUOI CIBI E MODULA LA LORO QUANTITÀ IN FUNZIONE DEL TUO CONSUMO ENERGETICO
2. REAGISCI ALLA TUA SEDENTARIETÀ E RENDI ATTIVA LA TUA GIORNATA

A questo punto a te la scelta!

Ora sai che se vuoi puoi cambiar rotta e puoi aiutare a stare meglio chi ti sta vicino scegliendo uno stile di vita sano che, come avrai capito, non deve essere perseguito per motivi estetici, ma per raggiungere il più prezioso degli obiettivi per noi e per le persone che ci circondano: il nostro benessere!

Prenota
 una visita al Club

Abbonamenti e prezzi